Warning: The magic method Vc_Manager::__wakeup() must have public visibility in /home8/lombardiasalute/mantovafutura.com/wp-content/plugins/js_composer/include/classes/core/class-vc-manager.php on line 203
Cosa fare a Mantova e provincia: gli eventi del weekend (6 - 7 - 8 gennaio 2023) - Mantova Futura

Cosa fare a Mantova e provincia: gli eventi del weekend (6 – 7 – 8 gennaio 2023)


(Foto di copertina: Mercatini di Natale a Mantova)

Gli appuntamenti imperdibili per il prosismo fine settimana dell’anno a Mantova e provincia: i nostri consigli da venerdì 6 a domenica 8 gennaio 2023.

Cosa fare a Mantova: gli eventi del weekend (6-7-8 gennaio 2023)

MANTOVA. Pista di pattinaggio

Una pista di pattinaggio professionale di 500 metri quadri di vero ghiaccio, per divertirvi tutti insieme! Info: www.mercatinidinatalemantova.it

MANTOVA. Trenino Virgilio

Un caratteristico trenino di Natale che collega il centro di Mantova, da piazza Mantegna ai Mercatini in piazza Virgiliana. Info: www.mercatinidinatalemantova.it

MANTOVA. Sganarello, ovvero il cornuto immaginario di Moliere

  • Da venerdì 6 a domenica 8 gennaio 2023 – Ore 16.30 – Teatro Minimo

A cura di: Compagnia Teatro Minimo Mantova. E’ una farsa, in versi nel testo originale, basata su un quiproquo fornito a Molière da un canovaccio italiano dal titolo “Il ritratto ovvero Arlichino cornuto per opinione”. L’opera fu presentata per la prima volta il 28 maggio 1660 al Théatre du Petit-Bourbon a Parigi. Ebbe un grande successo, malgrado l’assenza del re, che si trovava a Versailles con la corte per il matrimonio con Maria Teresa di Spagna.
E’ la prima volta che nelle opere di Molière appare il personaggio di Sganarello, che si ritroverà con caratteristiche e status sociale diversi in altre 5 commedie: La scuola dei mariti, Il matrimonio forzato, Don Juan, L’amore medico e Il medico per forza.
Gorgibus ha promesso la figlia Celina a Lelio. Durante una lunga assenza di quest’ultimo, l’uomo combina il matrimonio della figlia con il ricco Valerio. Nell’ammirare il ritratto di Lelio, Celina sviene e perde il gioiello. E’ soccorsa da Sganarello, la cui moglie, che osserva di nascosto la scena, pensa di avere scoperto una tresca del marito. In piazza la donna raccoglie il ritratto di Lelio e ne ammira la bellezza. Sganarello la sorprende e, a sua volta, pensa di essere tradito. Lelio, tornato nel frattempo dal viaggio, si convince che Celina si è sposata con Sganarello. Anche Celina viene convinta che Lelio la tradisce e per ripicca accetta di sposare Valerio. Alla fine tutto si chiarisce grazie alla cameriera di Celina. Come un virus, il sospetto di infedeltà ha contagiato tutti i personaggi, così che ciascuno, e non solo Sganarello, diventa un “cornuto immaginario”.
L’opera è poco conosciuta e poco rappresentata in Italia, tuttavia merita di essere portata in scena per l’ironia che la pervade e il contenuto, che fanno sì che essa sia di importanza capitale nella storia del teatro francese.
Molière infatti complica il rapporto amoroso, rinnova con una prospettiva comica l’immagine del “cornuto”, lega il problema “corna” al senso dell’onore, puntualizza il rapporto padre-figlia. Infine crea un personaggio teatrale inedito, quello del notabile borghese, persuaso della inferiorità e della leggerezza delle donne. Da notare anche la varietà di lingua utilizzata dai personaggi e i temi sottesi: apparenza contro realtà, costrizione contro libertà, accidia e codardia contro coraggio, ecc..

L’allestimento – Adattando…



Read More: Cosa fare a Mantova e provincia: gli eventi del weekend (6 – 7 – 8 gennaio 2023)

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Live News

Get more stuff like this
in your inbox

Subscribe to our mailing list and get interesting stuff and updates to your email inbox.

Thank you for subscribing.

Something went wrong.