Warning: The magic method Vc_Manager::__wakeup() must have public visibility in /home8/lombardiasalute/mantovafutura.com/wp-content/plugins/js_composer/include/classes/core/class-vc-manager.php on line 203
La terapia genica allunga la vita nei topi - Mantova Futura

La terapia genica allunga la vita nei topi



Siamo alla costante ricerca di un elisir dell’eterna giovinezza, che ci permetta di vivere più a lungo in salute: dopo il Nobel del 2012 ai ricercatori Gurdon e Yamanaka per i loro studi sulla riprogrammazione cellulare, per anni si è investito su questa tecnica per cercare di ringiovanire le cellule delle cavie da laboratorio e allungarne la vita. Il tutto senza molto successo, almeno fino a oggi: Rejuvenate Bio, una piccola azienda di biotecnologia di San Diego (California), ha pubblicato uno studio (ancora non rivisto in peer review, ovvero non revisionato da altri scienziati e esperti) nel quale spiega di essere riuscita ad allungare la vita di alcuni topi già anziani attraverso la terapia genica.

I test. I ricercatori hanno iniettato nell’organismo dei ratti tre geni riprogrammanti che, entrando nelle cellule, le hanno ringiovanite: il trattamento, condotto su topi già anziani (di 124 settimane di età, pari a 77 anni umani), è riuscito a raddoppiare la loro aspettativa di vita residua, passata da nove a 18 settimane.

Ringiovanimento immediato. I topi hanno quindi vissuto circa il 7% in più del previsto – una quantità di tempo di per sé modesta. Tuttavia, rispetto ad altri metodi, la riprogrammazione ha effetto immediato e può servire per allungare la vita anche a chi è già molto anziano: al contrario, alcune sostanze testate negli anni come il Rapamycin riescono sì a prolungare la vita del 5-15%, ma devono essere assunte per quasi tutta la vita.

I rischi della riprogrammazione. Per quanto interessante, lo studio della Rejuvenate Bio va preso per quello che è, e cioè una sperimentazione su una tecnica ancora poco conosciuta che comporta grossi rischi: «È un bell’esercizio intellettuale, ma non mi sognerei mai di testare qualcosa di simile su una persona», afferma Vittorio Sebastiano, professore all’Università di Stanford. Uno dei rischi principali connessi al processo di riprogrammazione è quello di ammalarsi di cancro, cosa che accade spesso nei topi usati nelle sperimentazioni.



Read More: La terapia genica allunga la vita nei topi

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Live News

Get more stuff like this
in your inbox

Subscribe to our mailing list and get interesting stuff and updates to your email inbox.

Thank you for subscribing.

Something went wrong.